LO SFRUTTAMENTO DELLE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI DIVERSE DAL FOTOVOLTAICO: INCENTIVI E MODALITA' DI FRUIZIONE

.



Grande successo per il seminario tecnico "Le opportunità per le energie rinnovabili e gli adempimenti per coglierle in tempo", tenutosi ieri pomeriggio presso il Politecnico di Bari e organizzato da Distretto La Nuova Energia, Poliba e Ordine degli Ingegneri, con il patrocinio di ARTI - Agenzia Regionale per la Tecnologia e l'Innovazione e DITNE - Distretto Tecnologico Nazionale sull'Energia.
 
Il seminario, rivolto ad aziende ed operatori del settore della green economy, è stato l'occasione per fare chiarezza sul Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico dello scorso 23 giugno, entrato in vigore il 15 luglio, che aggiorna i meccanismi di incentivazione degli impianti a fonti rinnovabili diversi dal fotovoltaico, così come previsti dal precedente decreto ministeriale del 6 luglio 2012.
 
Dopo i saluti istituzionali del Presidente del Distretto La Nuova Energia, Giuseppe Bratta, e del Magnifico Rettore del Politecnico di Bari, Eugenio Di Sciascio, l'incontro, moderato dal Vicepresidente del Distretto La Nuova Energia, Riccardo Amirante, è entrato nel vivo. Al Direttore del Dipartimento per lo Sviluppo Economico della Regione Puglia, Domenico Laforgia, il compito di aprire i lavori con la presentazione dello scenario energetico nazionale e regionale e le future opportunità per aziende e professionisti pugliesi in vista dell'imminente lancio di bandi regionali sull'efficienza energetica. A seguire, il Responsabile Impianti a Fonti Rinnovabili del GSE, Andros Racchetti, ha esaminato nel dettaglio il nuovo Decreto ministeriale, individuando affinità e differenze con il precedente.
 
Il decreto è di notevole interesse, visto che prevede incentivi per circa 9 miliardi nei prossimi 20 anni: un investimento notevole che intende promuovere l'efficacia, l'efficienza e la sostenibilità degli oneri di incentivazione per poter perseguire gli obiettivi della strategia energetica nazionale e il graduale adattamento alle linee guida in materia di aiuti di stato per l'energia e l'ambiente. Nuove e più semplici le modalità di accesso agli incentivi, che riguardano sia gli impianti già esistenti che i nuovi impianti, per i quali è prevista l'apertura di un apposito registro.
 
"L'iniziativa - ha dichiarato il presidente del Distretto La Nuova Energia, Giuseppe Bratta, a valle dell'evento - rientra tra le attività previste dal protocollo siglato recentemente da Distretto e Politecnico di Bari, volto a promuovere una strategia di co-innovazione per fare della Regione Puglia un hub energetico internazionale di competenze, prodotti e servizi di altissimo valore. Il successo del seminario tecnico di oggi, che ha visto la partecipazione di oltre 200 rappresentanti di aziende e professionisti provenienti da tutto il territorio regionale, dimostra come il tema delle rinnovabili sia molto caro agli operatori della green economy e quanto fosse attesa un'azione del Governo su questo fronte".